Farmaceutica, Riccini (Farmindustria): “Una sfida attrarre investimenti in Italia”
giovedì 21 Marzo 2024

(Adnkronos) – "Il sistema salute genera un valore economico grazie a vari settori d'industria e dei servizi, tra cui l'industria farmaceutica che si è confermata, anche nel 2023 e in questi mesi, un motore di sviluppo del Paese, della crescita di cui abbiamo molto bisogno e anche di generazione di innovazione a beneficio dei pazienti. Una delle sfide del prossimo futuro è saper attrarre in Italia investimenti a beneficio dei pazienti e della crescita". Lo ha detto Carlo Riccini, direttore Centro studi Farmindustria, a Roma in occasione dell'evento Adnkronos Q&A 'Salute e sanità, una sfida condivisa'. "L'industria farmaceutica – sottolinea Riccini – è un settore che sta dando grandi opportunità di occupazione ai giovani, ad esempio, ed è un grande partner del Servizio sanitario nazionale perché con i suoi investimenti agisce secondo un modello di Open innovation con tante strutture pubbliche, attraverso in particolare la ricerca clinica, con i sistemi di formazione e con la generazione di nuove competenze. Questo, alla luce dei trend internazionali di innovazione e della necessità di rinforzare la base produttiva, è certamente un asset strategico sul quale l'Italia deve puntare, ma anche l'Europa". I dati, continua, mostrano che "il valore della produzione ormai supererà i 50 miliardi anche nel 2023, oltre il 90% è dall'export. E c'è un dato molto recente pubblicato a livello europeo sui brevetti farmaceutici: in Italia in 5 anni sono cresciuti più della media europea. Sono l'immagine di un settore che ha saputo crescere cambiando pelle costantemente, aumentando il proprio valore aggiunto e che quindi rappresenta un grandissimo investimento per l'Italia e per l'Europa". Il modello dell'Open innovation, "che è la ricerca fatta in rete", esprime proprio "la capacità della farmaceutica di generare del valore – rimarca Riccini – con investimenti anche in altri settori, in particolare nella ricerca clinica e nelle strutture del Ssn. Se facciamo la percentuale pro capite degli investimenti in Open innovation, cioè le cosiddette esternalità positive della nostra ricerca, noi investiamo 15 volte quello che investe la media di tutti i settori dell'industria. Lo facciamo perché investiamo di più e perché siamo 'costretti' dai nostri modelli a investire in questo caso. Con la ricerca clinica dobbiamo farlo negli ospedali. Questo però è un fatto di grande valore. Ogni anno investiamo più di 750 milioni in ricerca clinica e anche di più, e questo si riverbera in tanti valori sia di tipo clinico, ma anche economico per l'intero Ssn".  Certo, "la ricerca e sviluppo – osserva il direttore Centro studi Farmindustria – è il fiore all'occhiello dell'attività farmaceutica ed è necessaria, ma l'aspetto produttivo credo sia molto da valorizzare in questa fase. Si sta infatti andando in una direzione molto interessante perché non solo stanno aumentando tantissimo le pipeline: ci sono oltre 21mila farmaci in sviluppo; 1.700 miliardi di dollari investiti dal 2003 al 2028 dall'industria farmaceutica a livello mondo. Si sta sviluppando" inoltre "un tipo di ricerca molto differenziata: metà della pipeline è fatta da sintesi chimica e metà da farmaci biotech. Ci sono tantissimi livelli di interconnessioni tra tecnologie diverse, tra settori diversi. Ormai parliamo anche di farmaceutica integrata in un sistema di scienze della vita che è molto importante per l'Italia perché l'Italia – conclude Riccini – ha una carta grandissima da giocare che è l'eccellenza delle strutture cliniche". —salutewebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Leggi anche…